Area riservata


Link

 

L’intervento del presidente Clarich in assemblea di Banca Mps

L’intervento del presidente Clarich in assemblea di Banca Mps

Signor Presidente del Consiglio di Amministrazione, Signor Amministratore Delegato, Signori Consiglieri, Signor Presidente del Collegio Sindacale e Signori Sindaci, Signori Azionisti, gentili ospiti.

Ritengo opportuno svolgere questo breve intervento a nome della Fondazione MPS principalmente in virtù del legame storico tra l’ente che rappresento e la Banca MPS e del ruolo svolto anche negli anni più recenti nella veste di azionista.

La Fondazione Mps ha infatti concorso, nell’ambito del patto di sindacato sottoscritto con Btg Pactual e Fintech, a nominare nel 2015 il Consiglio di Amministrazione e il Collegio Sindacale uscenti interloquendo anche con le principali autorità nazionali e locali rilevanti. Ha avuto anche il privilegio di proporre all’assemblea del 24 novembre 2016 il nominativo dell’Ing. Alessandro Falciai come Presidente della Banca, in sostituzione del Dott. Massimo Tononi.

Desidero pertanto esprimere a tutti i componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale un sentito ringraziamento e apprezzamento per l’intensa attività svolta in questo periodo a favore della Banca. Aggiungo, a titolo personale, un saluto, e un ringraziamento particolare, al Presidente Alessandro Falciai, anche per l’esemplare senso istituzionale dimostrato in questo momento. Formulo, in parallelo, un augurio ai componenti degli organi statutari che verranno nominati dall’odierna assemblea esprimendo l’auspicio, già formulato nell’assemblea del 14 aprile 2015, che il percorso di risanamento e di rilancio della Banca possa proseguire anche al fine di favorire lo sviluppo economico in particolare del territorio senese.

La Fondazione Mps, che ha vissuto una crisi, ormai superata, in molti aspetti parallela a quella della Banca e che ha partecipato, per quanto possibile, anche agli ultimi aumenti di capitale, continuerà a seguire con la massima attenzione, nell’interesse della comunità senese, l’evoluzione della Banca negli anni a seguire.