Area riservata


Link

 

La Deputazione Amministratrice presenta il resoconto di fine mandato

La Deputazione Amministratrice presenta il resoconto di fine mandato

E’ stato presentato oggi a Palazzo Sansedoni il resoconto di fine mandato della Deputazione Amministratrice della Fondazione Mps, composta dal Presidente Marcello Clarich, dalla Vice Presidente Bettina Campedelli e dai Deputati Giovanna Barni, Alessandro Fabbrini e Marco Frigerio.
La Deputazione Amministratrice insediatasi nel 2014, infatti, è in scadenza quest’anno, con l’approvazione del bilancio 2017.

Nel corso della presentazione sono stati ripercorsi i temi salienti che hanno caratterizzato gli ultimi quattro anni di attività della Fondazione, a partire da quella istituzionale. Grazie all’impegno nel liquidare i contributi deliberati in passato, si è assistito a una forte riduzione dello stock di debito per erogazioni. Dal 2015 ad oggi, inoltre, i contributi finanziari complessivamente deliberati hanno registrato un incremento che si attesta su +13% nel 2016 rispetto al 2015 e +26% nel 2017 sul 2016; dal 2015 al 2017, quindi, l’incremento è stato di +43%, aumento che risulta ulteriormente atteso anche nel 2018, con una previsione di nuove assegnazioni di circa €mln 4,3 (+5% annuo, +50% sul 2015).
A conferma della ripresa dell’attività istituzionale, è stata evidenziata, inoltre, una crescita del rapporto tra importi deliberati e patrimonio netto a fine anno, nell’arco temporale 2015-2017, con lo 0,9% nel 2017, rispetto allo 0,6% del 2015 (atteso all’1% nel 2018).
L’azione combinata fra erogazioni di somme in denaro e apporto di servizi, professionalità, capitale umano e relazionale, una sorta di erogazioni “in natura”, in kind, a servizio di processi e progetti di utilità sociale, ha rappresentato un approccio integrato, a favore del territorio di riferimento.
Di rilievo nella ripresa dell’attività istituzionale sono stati, infine, sia il progressivo consistente recupero dello strumento dei bandi, privilegiando l’emanazione di bandi tematici rispetto ad un unico bando generalista come avveniva in precedenza, che l’introduzione diffusa di pratiche di co-progettazione a modelli ibridi, in grado di unire l’attività di co-progettazione a specifici strumenti erogativi.

Tra i bandi tematici emanati nel 2017, si ricordano: SIENAindivenire, con una dotazione di €150.000, per la valorizzazione di un “luogo identitario”, o reti di “luoghi identitari”, attraverso una programmazione di attività culturali destinate prioritariamente alle giovani e future generazioni; sCOOL FOOD (€100.000), che ha l’obiettivo di migliorare gli stili di vita e le abitudini di consumo promuovendo le conoscenze degli studenti delle scuole delle province di Siena, Arezzo e Grosseto sui temi dell’agricoltura, cibo, stili di vita e sostenibilità; VOLver, €80.000, in collaborazione con CeSVoT e Ufficio Scolastico Regionale, per la presentazione di progetti di alternanza scuola-lavoro da parte di organizzazioni di volontariato, promozione e cooperazione sociale della provincia di Siena e SIENAcondivisa con €50.000, il bando tripartito promosso dalla Fondazione, in collaborazione con il Comune di Siena e l’Associazione Labsus, finalizzato a favorire la sperimentazione cittadina per la cura e la rigenerazione dei beni comuni nel territorio del Comune di Siena. Si è inoltre recentemente chiuso il bando PATRIMONInmovimento (€50.000) per sostenere artisti in residenza under 35, che lavorano con i linguaggi del contemporaneo, mentre attualmente è aperto IKIGAI, con una dotazione di €200.000, a favore di progetti individuali di crescita personale e professionale di giovani della provincia di Siena.
Dal 2014, tra le progettualità più significative, in ambito arte e cultura, è proseguito il sostegno alla Fondazione Accademia Musicale Chigiana, che ha beneficiato di oltre €mln 5,3 per lo sviluppo di attività di rilancio dell’ente; Vernice Progetti Culturali srlu, la società strumentale della Fondazione che sviluppa attività legate al settore della cultura, che ha beneficiato di un supporto di €320.000; la Fondazione Musei Senesi, attiva nella promozione del sistema museale territoriale, per cui sono stati erogati €107.000; e il Santa Maria della Scala, che ha beneficiato di €210.000 per il rilancio del complesso museale. Nel settore della ricerca scientifica, inoltre, la Fondazione ha continuato a finanziare Toscana Life Sciences, soggetto di riferimento nel panorama regionale nel supporto all’attività di ricerca nel campo delle scienze della vita e nello sviluppo di progetti dalla ricerca di base all’applicazione industriale, con oltre €mln 4,6 e Biofund, la società strumentale della FMps, che attualmente detiene partecipazioni in due imprese incubate in TLS, Externautics S.p.A. ed Exosomics Siena S.p.A., rifinanziata dalla Fondazione con un contributo di €405.000 nel 2017 allo scopo di valorizzare le partecipazioni detenute.

Altre interessanti iniziative innovative che si sono sviluppate nel corso del quadriennio sono rappresentate dai progetti Dopo di Noi, Oggi è domani che coinvolge un tavolo di lavoro pubblico-privato partecipato, tra gli altri, da Unisi, Asl e Società della Salute provinciali, a favore dello sviluppo delle autonomie personali e del diritto di autodeterminazione delle persone con disabilità da €160.000; Siena Città Aperta (€50.000), la rassegna culturale ideata e organizzata dal Comune di Siena che coinvolge anche Vernice Progetti Culturali; Never Alone – Minori Stranieri Non Accompagnati, l’iniziativa che, insieme ad altre sette fondazioni, si focalizza su tematiche di autonomia dei minori, tutori volontari, ricongiungimenti familiari, comunicazione strategica e soluzioni tecnologiche, a cui la Fondazione ha destinato €100.000; e il Fondo Povertà Minorile ACRI, che la Fondazione ha sostenuto con quasi €540.000 di cui circa €400.000 come credito di imposta, destinato al sostegno di interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori.

Fondamentale nel quadriennio, il processo di riduzione degli oneri, perseguito dalla Deputazione Amministratrice, con un abbattimento di circa il 58%, rispetto al 2013 (da circa €mln 11 a €mln 4,6). Da rilevare, in particolare, rispetto al 2013, la riduzione dei compensi degli organi di circa il 53% e dei costi del personale di circa il 50%. Tali dati dimostrano l’attenzione riposta nel contenimento dei costi e nella razionalizzazione della struttura, in modo da ottenere un progressivo riallineamento con la nuova scala dimensionale di FMps. Ulteriori riduzioni sono attese sul Budget approvato del 2018.

Sul patrimonio, l’evoluzione storica dell’avanzo di esercizio evidenzia una tendenza positiva: la messa in sicurezza dell’ente e la successiva crescita, hanno determinato un progressivo ritorno ad una redditività capace di garantire risorse per l’attività istituzionale e la conservazione del patrimonio. Nell’ultimo anno, infatti, il patrimonio netto si è incrementato di circa €mln 13. Non tenendo conto delle svalutazioni della Conferitaria, di Sansedoni e di Palazzo del Capitano, il peso degli oneri finanziari del debito estinto nel 2014 e le poste destinate alle erogazioni, il patrimonio netto risulterebbe addirittura incrementato di circa €mln 12 nel quadriennio.

Per quanto riguarda il contenzioso, la Deputazione Amministratrice si è attivata per il costante e puntuale seguimento delle azioni di responsabilità deliberate dalla Deputazione Generale, nel marzo e nel luglio 2014, insieme a tutte le azioni risarcitorie in corso.

Infine, dal 2015 è stato intrapreso un percorso che ha portato all’introduzione di un innovativo sistema di reporting dell’attività istituzionale, basato su metodologie consolidate, che si inserisce all’interno del ciclo integrato di programmazione-rendicontazione.

Clicca qui per scaricare la presentazione