Area riservata


Link

 

Giornata Europea delle Fondazioni: tener conto, dare conto

Giornata Europea delle Fondazioni: tener conto, dare conto

La Fondazione Monte dei Paschi di Siena aderisce alla terza Giornata Europea delle Fondazioni indetta per domani 1° ottobre da Acri (Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio S.p.A.) e da Dafne (Donors and Foundations Networks in Europe), organizzazione che riunisce le associazioni di fondazioni europee di cui Acri fa parte insieme ad Assifero (Associazione italiana Fondazioni ed Enti di Erogazioni).

La Giornata Europea delle Fondazioni è un evento che dal 2013 coinvolge in tutta Europa centinaia di Fondazioni per celebrare il ruolo degli Enti sul territorio e il legame con la comunità di riferimento. Le fondazioni europee organizzano eventi per incontrare i propri diretti stakeholder, le organizzazioni del volontariato e del terzo settore, tutti i cittadini.

Quest’anno il tema ispiratore della Giornata è “Fondazioni: tener conto, dare conto”. L’obiettivo è quello di sottolineare da un lato l’importanza della vicinanza delle Fondazioni alle comunità di riferimento e l’ascolto delle loro istanze, al fine di indirizzare con efficacia i propri programmi di intervento, dall’altro quanto sia fondamentale che esse facciano conoscere ai propri stakeholder scelte, metodi e procedure delle erogazioni affinché questi ne diventino sempre più partecipi, in modo da essere anche opportunamente propositivi. Tali temi, tra l’altro, sono centrali sia nella Carta delle Fondazioni approvata da Acri nel 2012 sia nello stesso Protocollo Acri-Mef siglato nell’aprile scorso.

Nel corso del 2015 la Fondazione Monte dei Paschi di Siena ha promosso alcune azioni di Stakeholder Engagement (rivolte sia agli stakeholder esterni che interni), volte a comunicare all’esterno il nuovo modello operativo e organizzativo (entrato in vigore il 1° aprile 2015) e a recepire input e spunti di riflessione sui principali bisogni e priorità sociali della comunità locale e sul rinnovato ruolo della Fondazione a servizio del proprio territorio.

Fra le iniziative si ricordano: l’incontro pubblico sul tema “Fondazione Mps e territorio” (23 giugno 2015) trasmesso anche in streaming e che ha visto per la prima volta l’utilizzo dello strumento della consultazione on line; il tradizionale appuntamento con l’audizione dei rappresentanti degli Enti designanti per la predisposizione dei Documenti di Programmazione Strategica Pluriennale e Annuale (31 agosto 2015); infine i tre tavoli tematici dedicati a Sviluppo economico; Cultura e Welfare a cui hanno preso parte alcuni enti e organizzazioni territoriali attivi nei rispettivi settori (7,8 e 9 settembre 2015). Tali incontri sono stati affiancati anche da interviste individuali alle singole unità organizzative della Fondazione sui principali bisogni percepiti e sul conseguente ruolo dell’Ente.

Filo conduttore, che ha caratterizzato tutte le iniziative, è stato senza dubbio l’adozione di un innovativo metodo partecipativo (streaming, consultazione on line, tavoli tematici etc), fortemente inclusivo, e rivolto ad un ascolto attivo e propositivo delle istanze provenienti dalla comunità. La Fondazione ha intrapreso un nuovo percorso di apertura attiva e dialogo costante con gli attori sociali, proprio come previsto nel recente modello operativo: il passaggio da una fondazione puramente erogativa ad una fondazione con “funzione di supporto” e progettualità comune.

Numerosi gli spunti emersi durante gli incontri. Come ad esempio il complesso sistema dei bisogni del territorio da cui si percepisce un generale bisogno di innovazione da declinare in attività e logiche di rete. Rimane forte il tema della “centralità della persona” con priorità alla lotta alle nuove povertà, alla creazione di occupazione giovanile e il sostegno all’imprenditorialità locale. In tutti i momenti di ascolto è stata segnalata una necessità trasversale di internazionalizzazione e apertura al mondo.

Alla luce dei momenti di incontro, la Fondazione Mps proseguirà nel percorso di Stakeholder Engagement, già tracciato, implementando la metodologia per rendere l’ascolto e il confronto con la comunità un appuntamento costante, continuativo ed efficace.

L’abstract completo degli spunti di riflessione emersi durante gli incontri con il territorio è consultabile qui.