Approvato il Documento Programmatico Previsionale 2020

Approvato il Documento Programmatico Previsionale 2020

È stato approvato all’unanimità dalla Deputazione Generale il Documento Programmatico Previsionale 2020 (DPP), elaborato dalla Deputazione Amministratrice sulla base delle linee di indirizzo pluriennali deliberate a fine settembre scorso.

Il documento pone al centro lo sviluppo economico sostenibile della comunità senese. La Fondazione Mps si conferma “luogo di raccordo” per promuovere e coordinare relazioni sociali e facilitare progettualità innovative volte allo sviluppo del territorio e della comunità in una logica di massima inclusività.

Le linee attuative per l’esercizio 2020 confermano la continuità e la centralità del percorso intrapreso e denominato “Siena2030” come riflessione collettiva e strategica per disegnare, insieme alle istituzioni e alle imprese, un futuro per le nuove generazioni. Una forma di dialogo strutturato che sarà ulteriormente integrata con studi tematici, approfondimenti, tavoli di co-progettazione e di condivisione di idee e buone pratiche.

Attività Istituzionale – Le attività programmatiche si svilupperanno in tre programmi e ambiti di specializzazione quali: Cultura e identità (per promuovere la gestione sostenibile i beni e iniziative culturali come leva di sviluppo); Società inclusiva (per la promozione dell’autonomia e benessere della persona); Ricerca e sviluppo territoriale (promuovere l’occupabilità e l’occupazione qualificata; valorizzazione dell’economia della conoscenza e dell’innovazione).

L’attività istituzionale si concentrerà su progettualità rilevanti in grado di innescare meccanismi di sviluppo economico a beneficio di tutta la provincia di Siena. Saranno infatti privilegiati ed incoraggiati quei progetti innovativi che riusciranno ad incidere in maniera significativa e durevole sul territorio, tenendo presente gli asset “patrimoniali tangibili e intangibili” della nostra provincia (il ricco patrimonio culturale e paesaggistico, le eccellenze del settore agroalimentare, il comparto delle scienze della vita).

Si cercherà, quindi, di operare attraverso un approccio che tenga assieme le varie istanze settoriali con l’innovazione tecnologica.

L’Ente concentrerà le risorse disponibili su progetti rilevanti adottando meccanismi di selettività, misurabilità dei risultati, sostenibilità, capacità di attrarre nuovi finanziamenti e partecipazione attiva. Gli strumenti dei bandi tematici e degli avvisi pubblici, così come dei tavoli di co-progettazione, saranno ulteriormente valorizzati: sia come stimolo alla lettura dei bisogni emergenti dal territorio sia come impulso per progettualità esterne o creazione di nuove relazioni sociali e partnership.

Sarà assicurata la continuità dei progetti storici avviati come il percorso di sviluppo della Fondazione Accademia Musicale Chigiana e della Fondazione Toscana Life Sciences (FTLS) con azioni che dovranno rafforzare sia le capacità di fund raising che le forme di auto-sostenibilità nel tempo, così come le altre progettualità consolidate come il Polo Musicale Senese e Vernice Progetti Culturali.

Sempre nel campo delle scienze della vita, saranno esaminate opportunità di partecipazione finanziaria anche ad iniziative di carattere internazionale con un forte impatto sociale e con importanti ricadute sul territorio senese, come nel caso del Malaria Fund.

Saranno inoltre attentamente valutati progetti inerenti alla diffusione dell’innovazione tecnologica nel tessuto imprenditoriale locale con particolare riferimento alle interazioni tra intelligenza artificiale e biotecnologie e al tema dell’economia circolare, con l’obiettivo di creare competenze professionali di livello elevato e occupazione sul territorio.

Proseguiranno i progetti identitari come ad esempio sCOOLFOOD, Ikigai, Alleanza Carbon Neutrality Siena, così come le attività programmatiche delle iniziative Never Alone (Minori Stranieri Non Accompagnati), il teatro sociale, Durante Dopo di noi.

Un’attenzione particolare anche alle progettualità destinate al supporto a specifiche fasce fragili della popolazione tra cui minori e anziani (es. partecipazione al Fondo di contrasto alla povertà educativa dell’Acri e il bando Mobilità solidale e servizi di prossimità).

Continuerà il rapporto diretto con le Contrade del Palio di Siena in un’ottica strategica di promozione del patrimonio umano, sociale e culturale.

Risorse. Le risorse a disposizione delle attività istituzionali nel 2020 sono stimabili fino ad un massimo di 5 milioni, circa 20% in più del 2019.

In un’ottica di sostegno allo sviluppo economico e sociale orientato all’innovazione, la Fondazione potrà inoltre impiegare eventuali ulteriori risorse per finanziare progetti con un orizzonte temporale anche di lungo respiro costituendo dei fondi speciali.

Infine, si proseguirà nel percorso di rendicontazione dell’attività istituzionale già tracciato per la verifica degli obiettivi raggiunti e le ricadute in termini economico-sociali del territorio a supporto delle fasi di programmazione degli indirizzi strategici.

Il documento  è consultabile qui